A “meno 115” giorni dal via al PAT, l’Avv. Valentina Carollo (CSPT) e il dr. Elia Barbujani hanno redatto e pubblicato un interessante prospetto riassuntivo delle principali differenze tra il PAT stesso ed il PCT.

Il rapporto differenziale tra i due sistemi è ciò che permette una più immediata  (ancorché sommaria) comprensione delle nuove modalità di deposito degli atti del processo amministrativo nel quale – giova sottolinearlo – la modalità telematica dei depositi sarà esclusiva, cioè non si potranno effettuare depositi in modalità cartacea.

Qui il link al documento, dal sito del Centro Studi Processo Telematico

Annunci