Com’è noto, con la versione 1.4.7 di Slpct è stata introdotta, tra le principali novità, quella relativa alle specifiche per l’allegazione alla busta delle attestazioni di conformità separate, secondo le specifiche di cui al decreto del 28/12/2015.

Detta specifica prevede che l’attestazione vada allegata non come “allegato semplice” ma col proprio DTD di “AllegatoConforme” che, a sua volta, contiene l’ulteriore “RiferimentoAllegato“, ossia l’indicazione del documento, contestualmente depositato, cui l’attestazione di conformità si riferisce.

Tutto ciò, in SLpct viene tradotto in una schermata di semplicissima lettura: nel primo campo andrà selezionato ed inserito il documento contenente l’attestazione, mentre il campo “allegato conforme (riferimento all’allegato di cui si sta attestando la conformità”) conterrà l’indicazione del documento o dei documenti in copia informatica oggetto dell’attestazione.

Fin qui tutto chiaro ed intuitivo. Tuttavia, ai più è balzato all’occhio il campo “flaggabile” denominato Complementare: tutti si sono chiesti a che cosa servisse e come dovesse essere valorizzato.

complementare

In assenza di indicazioni documentali al riguardo, abbiamo richiesto chiarimenti allo Staff Processo Telematico del DGSIA, che ha specificato trattarsi di un dato NON OBBLIGATORIO che, al momento, non occorre utilizzare fino a specifica comunicazione del DGSIA al riguardo. 

Segnaliamo, infatti, che l’eventuale flag apposto alla casella (che restituisce nel DatiAtto.xml il valore true) viene al momento trascurato dai sistemi ministeriali che interpretano il dato sempre come assente (false).

Annunci