di Claudio De Stasio (Avvocato del Foro di Grosseto)

Le nuove specifiche tecniche pubblicate oggi hanno introdotto un’importante semplificazione alle modalità di attestazione della conformità su documento informatico separato nell’ambito del PCT e delle notifiche via PEC.

Non è più necessario indicare le impronte informatiche in tutti quei casi in cui la riferibilità dell’attestazione alla copia (la “spillatura virtuale” fra copia e attestazione di conformità) sia ricavabile indirettamente dal “mezzo” con il quale detti documenti sono trasmessi (ad esempio la PEC in caso di notifica o la busta telematica in caso di deposito).

Le applicazioni per la redazione assistita della relata di notifica via PEC e della nota di deposito documenti sono dunque state aggiornate…. (continua la lettura su dirittopratico.it)

Advertisements