E’ del 10 novembre scorso la Circolare del D.A.G. del Ministero della Giustizia che chiarisce, dopo alcuni dubbi interpretativi recentemente sorti, in quale misura debba versarsi il contributo unificato nei giudizi di opposizione a decreto ingiuntivo in presenza di domanda riconvenzionale proposta dall’opponente.

Il testo integrale della circolare è scaricabile da qui. In estrema sintesi, i casi possono così schematizzarsi:

a) Opposizione a decreto ingiuntivo senza domanda riconvenzionale = importo c.u. dimezzato

b) Opposizione a decreto ingiuntivo con domanda riconvenzionale che non comporta aumento del valore della causa => importo c.u. dimezzato (per esempio, d.i. per euro 10.000, il c.u. sarà 118.50; se l’opponente formula riconvenzionale per euro 10.000 il contributo unificato resta quello dimezzato ex art. 13 comma 3: è il caso di pag. 2 lettera “a”

c) Opposizione a decreto ingiuntivo con domanda riconvenzionale che supera il valore dell’ingiunzione (per esempio d.i. di euro 10.000 e riconvenzionale da 50.000) = > in tal caso il c.u. sarà quello INTERO corrispondente al valore della domanda riconvenzionale, e si imputerà, quanto ad euro 118,50 all’opposizione e quanto al residuo al contributo “integrativo” di cui all’art. 14 comma 3: è il caso di pag. 2 lett. “b”.

Annunci