D:  L’argomento riguarda il Tribunale di Nola. Ho depositato in formato cartaceo ricorso ex art 702 cpc. Il magistrato ha emesso il decreto di fiss.ne di udienza in formato cartaceo. La cancelleria non ha nè scannerizzato il ricorso ( che potrei inviarlo io in forma telematica come da voi consigliato) nè il decreto. L’addtto mi ha  riferito che se il magistrato non lo emette informaticamente loro non possono trasformarlo.Domanda:   Notifico tutto alla vecchia maniera  ( chiedendo copie conformi del ricorso e del decreto) e pagando circa € 200 di bolli oppure c’è un altra strada ?

R: Per l’art. 9 del DM 44/2011 “Il Ministero della giustizia gestisce i procedimenti utilizzando le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, raccogliendo in un fascicolo informatico gli atti, i documenti, gli allegati, le ricevute di posta elettronica certificata e i dati del procedimento medesimo da chiunque formati, ovvero le copie informatiche dei medesimi atti quando siano stati depositati su supporto cartaceo“. Da tale norma discende l’obbligo (teorico, in assenza di mezzi concreti), cedente a carico della Cancelleria, si scansionare tutti gli atti e provvedimenti cartacei che vengano depositati.

Ne discende, quindi, che quanto affermato dalla Cancelleria non trova fondamento né normativo né pratico.

Nella consapevolezza, però, delle difficoltà concrete derivanti dalla carenza di mezzi e di personale ai fini del compimento anche di tali adempimenti, sia con l’art. 4 del Protocollo PCT di Napoli sia (per quel che Ti riguarda) con l’omologo art. 4 del Protocollo di Nola, è stata prevista la facoltà per i Difensori di procedere al deposito telematico di una copia per immagine del ricorso cartaceo che sarà accettata dal Cancelliere  e resa in tal modo disponibile per l’estrazione ai sensi dell’art. 16 bis comma 9 bis DL 179/2012.

Advertisements