D: Per il deposito telematico di un ricorso ex art. 669 duodecies, occorre la nota di iscrizione a ruolo ed il pagamento del contributo unificato? Ho letto i protocolli di intesa del Tribunale di Nola (aprile 2015) e del Tribunale di Bologna (28 maggio 2015) i quali dicono due cose diametralmente opposte. Grazie 

R: Il ricorso ex art. 669 duodecies c.p.c. –  col quale la parte chiede al Giudice di fissare le modalità per l’attuazione delle misure cautelari aventi ad oggetto obblighi di consegna, rilascio, fare o non fare –  avviene sotto il controllo del Giudice che ha emanato il provvedimento cautelare,  che determina le stesse  e, ove sorgano difficoltà o contestazioni, dà con ordinanza i provvedimenti opportuni, sentite le parti.

Come già scritto in questo blog, anche a lume di Cass. Civ. 5010 del 26/2/2008, “l’attuazione delle misure cautelari aventi ad oggetto obblighi di consegna, rilascio, fare o non fare non avvia, sulla base di un titolo esecutivo, un separato procedimento di esecuzione ma costituisce una fase del procedimento cautelare”: si tratta quindi di un atto tipicamente “endoprocessuale”, con la conseguenza che NON si è tenuti al deposito della NIR (e men che meno del c.u.).

Advertisements