D: Per pura curiosità ho provato a scaricare il duplicato informatico di un mio atto depositato telematicamente. Ebbene non riesco a leggere il mio stesso file .p7m (Adobe reader mi riporta un messaggio avvertendomi che il file contiene un errore e non può essere letto, oppure il file viene aperto ma risulta con il n. di pagine corrette ma totalmente in  “bianco”). Riesco invece a scaricare e leggere la copia informatica (con relativa coccardina). Premetto che utilizzo Slpct e che in fase di redazione e imbustamento tutto risultava corretto; inoltre ho sempre ricevuto la quarta PEC con esito positivo e accettazione. Il file pdf dell’atto depositato è stato creato con Libreoffice e con la funzionalità automatica ivi contenuta e quando provo a leggere il mio file .p7m con il software di Aruba key lo stesso viene aperto correttamente.
Non riesco a venire a capo della cosa e comincio a nutrire qualche preoccupazione.
Rongrazio in anticipo per il servizio sempre chiaro ed esaustivo che così cortesemente offrite.

R: Devi semplicemente installare sul Tuo pc un programma di firma (Dike, Arubasign, FirmaCerta, FirmaOk Gold). Probabilmente, fino ad oggi, per firmare i Tuoi documenti, hai adoperato il software preinstallato sulla Tua chiavetta.

Una volta installato, Windows riconoscerà automaticamente questo tipo di file, permettendotene la verifica della firma e l’apertura.