D: Buondì, ho ottenuto un decreto ingiuntivo che a latere reca la coccardina con l’indicazione del soggetto telematica del giudice (l’ho estratto dalla sezione: comunicazioni della cancelleria). Ora mi accingo a fare una notifica cartacea del decreto e del ricorso. Tuttavia nel fascicolo telematico il mio ricorso non è risulta firmato dal giudice e non reca alcuna coccardina. L’ho aperto (dalla sezione  PCT – DEPOSITO DEL…- ALLEGATI) e ovviamente risulta firmato digitalmente da me ma quando lo stampo non risulta alcuna forma digitale.
Che fare?  Faccio qualche errore nell’estrazione del mio ricorso?
Posso notificare validamente in forma cartacea il mio ricorso (magari firmandolo in originale) che non reca la firma digitale completo invece del decreto che è invece firmato digitalmente dal giudice?
Grazie per il Vs aiuto

R: Una premessa (ma veramente accennata, considerato il numero di volte in cui abbiamo ripetuto il concetto): la “coccardina” stampata sugli atti è da considerarsi null’altro che un mero fregio che sta ad indicare che i sistemi informatici del Ministero hanno rilevato la presenza di una firma digitale sull’atto depositato. Ora, è possibile che tale fregio manchi su alcuni atti (soprattutto su quelli anteriori al luglio 2014), ma ciò nulla toglie al fatto che l’originale depositato sia stato firmato digitalmente (cosa che si potrà accertare – speriamo – tra qualche giorno quando i sistemi consentiranno di scaricare i “duplicati” informatici degli atti e non mere copie degli stessi).

Tra l’altro, che il ricorso sia stato firmato digitalmente non può essere revocato in dubbio, dacché in mancanza della firma la busta non avrebbe superato i controlli automatici e non sarebbe stata accettata.

Detto questo, per l’autentica degli atti e dei provvedimenti dai registri informatici dei Tribunali, l’esistenza o meno della firma è irrilevante: il comma 9 bis dell’art. 16 bis infatti esordisce con la precisazione che “Le copie informatiche, anche per immagine, di atti processuali di parte e degli ausiliari del giudice nonché dei provvedimenti di quest’ultimo, presenti nei fascicoli informatici dei procedimenti indicati nel presente articolo, equivalgono all’originale anche se prive della firma digitale del cancelliere…“.

Advertisements