D: Soltano poche righe per chiedere lumi circa la necessità di attestazione in caso di deposito documenti.
In effetti, leggendo altri autorevoli interventi, l’attestazione (con indicazione dell’impronta) parrebbe indispensabile in caso di atto estratto dal fascicolo informatico per uso telematico (e dunque anche per allegazione di copia conforme all’interno di un deposito telematico).

R:  L’attestazione di conformità è un potere che la Legge conferisce agli Avvocati in casi specifici: si pensi alla conformità ex art. 3 bis comma 2 L. 53/1994 (conformità dell’atto analogico digitalizzato ai fini della notificazione via p.e.c.); a quella ex art. 9 comma 1 bis L. 53/94 (stampa della notifica via p.e.c.); a quella ex art. 52 D.L. 90/2014 (attestazione di conformità dell’atto digitale notificato al corrispondente atto estratto dal fascicolo informatico) e, da ultimo, alle attestazioni ex art. 18 DL 132/2014 (conformità delle copie del titolo esecutivo, precetto e pignoramento ai fini dell’iscrizione a ruolo dei procedimenti esecutivi).

Tali poteri sono dunque conferiti da norme eccezionali,  ovvero che fanno eccezione alle regole generali: in via generale, infatti,  i poteri di attestazione di conformità sono attribuiti ai Notai, ai Cancellieri, ai Segretario comunale o altri Funzionari incaricati dal Sindaco.  In quanto norme eccezionali,  esse non sono suscettibili di applicazione in via analogica.

Il Tuo quesito, quindi, si risolve con una risposta semplice: in linea generale, l’Avvocato non deve attestare la conformità di ciò che deposita in quanto non può, a meno che il potere non discenda da una delle norme sopra citate.

In particolare, quindi, l’Avvocato può attestare la conformità di una copia estratta da un fascicolo informatico, ai fini del deposito, quando si tratti di produrre un atto o un provvedimento depositato in altro fascicolo informatico. Può farlo, ad esempio, quando si tratta di produrre la copia autentica di un provvedimento oggetto di impugnazione, avvalendosi quindi dei poteri ex art. 16 bis, comma 9 bis DL 179/2012 (art. 52 DL 90/2014), oppure potrà farlo quando si dovranno iscrivere a ruolo in via esclusivamente telematica gli atti ex art. 18 DL 132/2014 nel procedimento di esecuzione.

Ai fini “puri” del deposito, tuttavia, tale necessità non sussiste.

Annunci