D:  se un cliente “firma digitalmente” la procura ad litem (p7m) e vi appone anche la “marca temporale” (tsd), la procura viene “firmata digitalmente” anche dall’avvocato (p7m): il “formato” del documento informatico (procurapdf.p7m.tsd):  rientra fra quelli che possono essere depositati telematicamente (p.c.t.)?

R: Il formato “tsd” non rientra tra quelli previsti dall’art. 13 delle specifiche tecniche. Se il Cliente Ti ha inviato un file firmato e marcato temporalmente, puoi separare la marca dal file firmato ed adoperare quest’ultimo: il file TSD infatti  ha al proprio interno una marca temporale (associata al documento) in formato TST (Time-Stamp Token) e, nel tuo caso, un file p7m.

Secondo il manuale di Dike, tale operazione va compiuta seguendo questi passaggi:

Selezionare dal menù: Strumenti – Separa marca da documento Selezionare il file del tipo “.tsd” oppure .m7m” di cui si vuole eseguire la separazione. Al termine dell’operazione vengono creati due file: – un file di tipo ‘tst’ (o ‘tsr’) contenente la marcatura temporale – un file di tipo ‘p7m’ contenente il file firmato.

Advertisements