D: Gentili Colleghi, dovendo procedere ad ulteriore notifica a mezzo pec  di d. i. per il quale ho chiesto e ottenuto dalla Cancelleria l’apposizione di formula esecutiva, a seguito di decreto di esecutorietà (trattasi infatti di p.a.) Vi chiedo:
premesso che il titolo consegnatomi dalla Cancelleria consta di: ricorso per d.i., asseverazione di conformità, messaggio pec di invio, ricevuta di accettazione, ricevuta di consegna, relazione di notifica e formula esecutiva :
e’ sufficiente scansionare il tutto, attestarne la conformità ex art. 3 bis L 53/94 in relata e notificare? o devo rinotificare anche il decreto ingiuntivo, l’istanza di esecutorietà, ed il decreto di esecutorietà del Giudice -non presenti nel titolo rilasciatomi dalla Cancelleria?

R: Il tuo quesito si riferisce evidentemente al discusso rapporto tra l’art. 654 2° comma c.p.c., secondo cui ai fini dell’esecuzione non occorre una nuova notificazione del decreto esecutivo ma nel precetto deve farsi menzione del provvedimento che ha disposto l’esecutorietà e dell’apposizione della formula e l’art. 14 DL 669/1996 e succ. modd.  secondo il quale  il creditore non ha diritto di procedere ad esecuzione forzata nei confronti delle pubbliche amministrazioni ed enti prima del decorso del termine di 120 giorni dalla notifica del titolo esecutivo.  Prudentemente, per non imbatterTi in eccezioni o rilievi officiosi di improcedibilità dell’esecuzione, intendi notificare il titolo munito della formula alla P.A. debitrice.

Detto questo – al solo scopo di chiarire i contorni della vicenda a beneficio di chiunque legga – senza entrare nel merito della problematica sopra ricordata (esistono infatti anche pronunce che ritengono che il termine ex art. 14 DL 669/1996 non ricominci a decorrere da zero, potendosi computare anche il tempo trascorso dalla notifica originaria del d.i.), puoi notificare il titolo così come consegnatoTi dalla Cancelleria che si chiude con la  formula esecutiva.

Attenzione a verificare, nel caso di notifica via p.e.c., che l’indirizzo della P.A. destinataria risulti da pubblico registro.