D: Buongiorno e complimenti per l’iniziativa. Alcune cancellerie del Trib. Na non consentono il deposito dei fascicoli di  parte dopo il 30.12.14 in precedenza ritirati per la redazione delle conclusionali, memorie ex art. 183 etc.

R: E’ un’interpretazione “estremista” dell’art. 16 bis DL 179/2012 e comunque errata se il fascicolo di parte che si vuol depositare venga restituito nuovamente così com’era prima del relativo ritiro.

Si tratta dell’ipotesi ex art. 169 c.p.c. il quale dispone che “Ciascuna parte può ottenere dal giudice istruttore l’autorizzazione di ritirare il proprio fascicolo dalla cancelleria [77 disp. att.]; ma il fascicolo deve essere di nuovo depositato ogni volta che il giudice lo disponga.
Ciascuna parte ha la facoltà di ritirare il fascicolo all’atto della rimessione della causa al collegio a norma dell’articolo 189, ma deve restituirlo al più tardi al momento del deposito della comparsa conclusionale“.

La norma, non abrogata né modificata dalle norme sul processo telematico,  impone quindi alla parte che abbia ritirato – su autorizzazione del Giudice o perché le è consentito dallo stato del giudizio – di “restituire” il fascicolo di parte così com’era. L’art. 16 bis DL 179/2014, viceversa, impone il “deposito” in via telematica di atti e documenti che siano  “nuovi”, non di certo di ciò che già era nel fascicolo cartaceo.

Advertisements