D: ho installato il redattore atti SLpct e mi sono accorto che non è  previsto l’inserimento della PEC, ma soltanto del C.F. dell’avv. mittente. Sul manuale nell’ultima pagina (15) è scritto :
“Per inviare la e-mail, che conclude l’operazione di deposito, è necessario che sia già configurato un programma di posta elettronica quale ad esempio Outlook, Windows Mail o Thunderbird per la gestione dell’indirizzo PEC. “Invia deposito” non può essere utilizzato con la gestione della PEC tramite Webmail”.
Che cosa significa ?
Sul mio PC ho Outlook, ma per la posta elettronica preferisco utilizzare gmail.
Se clicco su “Invia deposito” di SLpct, il deposito telematico è valido  ?
Se non lo è, cosa devo fare per effettuare un deposito telematico valido con SLpct?

R: Se utilizzi Outlook, devi configurarlo anche per ricevere ed inviare la posta elettronica certificata. Se usi legalmail come gestore di posta, le istruzioni sono a questo link.  
Fatta questa rapida configurazione, cliccando su “invia deposito” di Slpct si aprirà Outlook; da qui dovrai selezionare la tua pec come “account mittente”, come illustrato nella figura. accout_mittente

Outlook farà il resto, essendo a questo punto terminato il “compito” di Slpct.

Analogamente si procede con qualunque altro client di posta.

Se invece usi, per la gestione della posta certificata, la webmail (Internet Explorer, Chrome o Firefox), anziché “invia deposito” di SLpct, dovrai usare “Salva busta in” mettendo “Atto.enc” sull’hard disk o su un dispositivo rimovibile. Fatto ciò accederai via web alla PEC (quella presente nel REGINDE) creando un nuovo messaggio di posta ceritficata da inviare all’indirizzo pec del Tribunale destinatario.