D: Buonasera, nel caso di deposito telematico di una memoria con RG errato per mero errore materiale e conseguente email dei controlli automatici negativa, conviene semplicemente effettuare un nuovo deposito con RG corretto, o è necessario recarsi in Cancelleria per “sbloccare” il primo deposito?

R: Nel tuo caso, l’errore è chiaro e devi ripetere il deposito perché sei certo di aver sbagliato il numero di R.G.. Vogliamo cogliere però l’occasione di dare indicazioni su da farsi in caso di errore.

Normalmente, in caso di esito negativo dei controlli automatici, conviene ripetere il deposito cercando di individuare l’errore dalla lettura del messaggio: quest’ultima è resa a prima vista poco agevole perché gli apostrofi sono scritti con la stringa “apos” per cui il messaggio sarà di questo tipo:

Contenuto dell'elemento 'Avvocato' non completo. Atteso un '{"http://schemi.processotelematico.giustizia.it/tipi/anagrafiche":indirizzo, "http://schemi.processotelematico.giustizia.it/tipi/anagrafiche":parteRappresentata}'., sono necessarie verifiche tecniche da parte dell'ufficio ricevente

La lettura è effettivamente poco agevole, ma lascia intuire che c’era qualche campo incompleto (in particolare dell’indirizzo) nella maschera dedicata alle indicazioni dell’Avvocato depositante.  

Come dicevamo, in casi come questo conviene depositare nuovamente e subito, evitando l’errore: la Cancelleria, infatti, pur dovendo accettare tutti gli atti (cfr. Circ. Min. Giustizia del 27/6/2014) a meno che l’errore non sia “fatale”, riesce ad individuare i depositi duplicati ed a scartare quello sbagliato.

Talvolta, però, il messaggio di errore può riferirsi al caso che l’Avvocato non risulti costituito in quel giudizio ed il messaggio di controllo avvertirà della circostanza e che sono necessari controlli “umani” da parte della Cancelleria. Questo errore va valutato caso per caso per cui occorre anzitutto accertarsi che non vi sia stato svista da parte del depositante in ordine all’Ufficio GIudiziario destinatario del deposito o all’R.G. del processo e, subordinatamente, contattare la Cancelleria.