AGGIORNAMENTO: 17/11/2016

In altro post, abbiamo visto com’è possibile creare un backup automatico dei propri messaggi PEC usando GMAIL come account.

Molti sanno però che GMAIL non consente (o almeno così si dice) di salvare in locale i singoli messaggi, come file .eml o .msg (il che è indispensabile ai fini del deposito telematico delle prove, per esempio, della notifica, così come previsto dalle specifiche del 16/4/2014 (in GU 30/4/2014)

In realtà, con un piccolo trucco è invece possibile salvare tali messaggi,

Vediamo come.
Tra le funzioni nascoste, GMAIL  contiene anche quella che consente il salvataggio di singoli messaggi di posta come files EML. La cosa è molto utile sol se si consideri che con le nuove specifiche xsd previste per il processo telematico, i files eml delle ricevute di accettazione e consegna delle pec possono essere depositati come prova dell’avvenuta notifica ai sensi della L. 53/1994.
Come si salvano allora i singoli messaggi? Molto semplice!

1) Apriamo il messaggio che si vuol salvare

2) Clicchiamo sul tasto “freccia in basso” di fianco a “Rispondi” e selezioniamo sulla 11^ voce (“MOSTRA ORIGINALE”)

1
3) La schermata si presenterà come di seguito ed apparirà, sulla sinistra, la scritta “scarica messaggio originale”

2
4) Clicchiamo sulla scritta ed apparirà la consueta schermata di salvataggio: solo che questo verrà proposto in formato txt

2016-11-17_154712

5) A questo punto sarà sufficiente cambiare l’estensione, da txt in eml e procedere al salvataggio.

2016-11-17_154723

Il gioco è fatto!