News Unep Napoli: sospensione servizio eliminacode dal 23.4.18

Si apprende da un comunicato apparsi sul sito della Corte D’appello di Napoli che dal 23 Aprile prossimo sarà sospesa la prenotazione a mezzo “eliminacode”.

Il servizio sarà riattivato al termine delle operazioni di manutenzione.

Annunci

Corso “diritto dell’informatica e privacy” FIIF – CNF: 19 Aprile 2018, Sala Metafora

Si ricorda che il Corso sul “diritto dell’informatica e privacy” organizzato dalla FIIF in collaborazione con il COA Napoli e col patrocinio del CNF proseguirà con l’evento del 19 Aprile 2018.

Sarà approfondito l’argomento del processo civile telematico, come da locandina che segue, ed avremo l’onore di ascoltare uno dei Magistrati protagonisti della rivoluzione digitale nel processo, autore di importanti pronunce giurisprudenziali in materia: il Dr. Enrico Consolandi.

La dr.ssa Ilaria Accardo, Funzionario di Cancelleria del Tribunale di Napoli illustrerà inoltre alcune criticità nell’interazione tra avvocati e cancellieri nei depositi.

IL DOCUMENTO INFORMATICO E LA SUA CONSERVAZIONE IN ITALIA ED IN EUROPA: RELAZIONE DISPONIBILE SUL SITO DELLA CORTE DI CASSAZIONE

Segnalo che sul sito della Corte di Cassazione, nella sezione “Eventi convegni e seminari”, é stata pubblicata la mia relazione tenuta il 14 Marzo 2018 nell’Aula Magna del Palazzaccio sul tema “IL DOCUMENTO INFORMATICO
E LA SUA CONSERVAZIONE IN ITALIA ED IN EUROPA”. Il pdf della relazione é scaricabile da questo link.

Nella stessa sezione sono disponibili anche la relazione di Giuseppe Fichera  (Magistrato addetto all’Ufficio del Massimario e del Ruolo della Corte Suprema di Cassazione – “Il processo Telematico”), le slide di Rossella Masi (Magistrato, Tribunale di Roma, “I depositi telematici”), quelle di Giovanni Rocchi (FIIF, “Identità digitali e firme elettroniche”) e Maurizio Reale (FIIF, “La posta elettronica certificata”).

Novità di aprile 2018: buste che superano i 30 Mb e i depositi “complementari”

Con nota pubblicata sul Portale dei Servizi Telematici di oggi 28 Marzo 2018, DGSIA comunica che è stata predisposta e sarà presto attiva una modifica degli schemi dei depositi telematici, grazie alla quale i soggetti abilitati esterni potranno  effettuare depositi multipli al fine di poter superare il limite della dimensione massima dei 30 Mb (limite che, peraltro, è già da tempo virtualmente superato, essendo possibile già oggi effettuare depositi di peso informatico complessivo ben maggiore).

La novità è costituita dall’attributo “complementare” che, come refuso di codice allo stato non funzionante, è già presente negli schemi xsd.

Il meccanismo di redazione della busta è compiutamente descritto in un documento del DGSIA (scaricabile da qui) e può essere così sintetizzato:

Se si prevede che le dimensioni fisiche in byte della busta superano i 30MB, la busta si potrà  suddividere in più buste di deposito. Si crea una prima busta (“deposito principale”) nella quale si inseriranno l’atto principale, il datiatto.xml e gli altri (eventuali) allegati obbligatori (NIR e PROCURA), mentre gli altri allegati, diversi da quelli obbligatori, possono essere depositati con una o più buste ulteriori (“depositi complementari”).

In fase di redazione della busta del deposito principale è necessario però indicare nell’indice busta (contenuto nel datiatto.xml)  tutti gli allegati da depositare, compresi quelli che si prevede di inviare inviati con i successivi depositi complementari, indicando per ciascun allegato se è presente nella busta principale oppure no: ciò avviene selezionando il campo “complementare” che verrà valorizzato come “true”, a significare proprio che gli allegati così contraddistinti saranno successivamente depositati con i depositi  concatenati.

Gli allegati che, invece, sono stati “fisicamente” inseriti nel deposito principale non avranno questo attributo. Nel formare le buste complementari, infine, l’indice busta dei depositi complementari sarà caratterizzato dal fatto che i documenti in esso indicati dovranno avere lo stesso ID indicato nell’atto principale.

Dettagli tecnici questi che saranno sicuramente più comprensibili una volta che i redattori saranno stati aggiornati.

RINVIO EVENTO DEL 5 APRILE 2018 sul tema “I SERVIZI DI RECAPITO CERTITICATO E LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA” al 29 MAGGIO 2018

Fonte: www.coanapoli.it

Si comunica che l’evento del 5 APRILE 2018 organizzato dal COA e dalla FIIF, con il patrocinio del CNF,  sul tema “I SERVIZI DI RECAPITO CERTITICATO E LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA” è rinviato al 29 MAGGIO 2018, ore 11.30 – 14.30, per la sopravvenuta indisponibilità di uno dei relatori.

Corso di formazione “informatica e diritto penale” a Napoli, 20 Marzo 2018

Si ricorda che martedì 20 Marzo 2018, dalle ore 11.30 alle 14.30, si terrà il sesto modulo del “Corso di Diritto dell’Informatica, Privacy e PCT“, presso l’Aula Metafora (3 crediti formativi).

L’incontro graviterà su argomenti di estrema attualità:

  • I reati informatici: inquadramento normativo
  • La sicurezza dei sistemi informatici e della rete come bene giuridico tutelato
  • L’anominato in rete come diritto e strumento del crimine
  • Il problema del locus commissi delicti
  • La frode informatica
  • L’accesso abusivo ai sistemi informatici o telematici
  • La frode informatica commessa dal prestatore di servizi di certificazione di firme elettroniche
  • I reati “della rete”: il cyber stalking, la violazione del diritto d’autore, il furto d’identità
  • La diffamazione telematica: il like come strumento di condivisione ed i recenti approdi giurisprudenziali
  • La responsabilità penale dell’ISP

Relatori d’eccezione: Avv. Francesco Paolo Micozzi (GdL FIIF) e Avv. Giovanni Battista Gallus (GdL FIIF).

20.03.jpg

Archivio giurisprudenza di merito: accesso bloccato sui distretti di Milano e Napoli

Con grande rammarico si comunica che, a seguito della patch passata nello scorso fine settimana, i sistemi ministeriali per il Processo Civile Telematico non espongono più  il servizio web-service dell’archivio distrettuale della giurisprudenza di merito.

L’intervento tecnico ha riguardato, per il momento, i Distretti di Napoli e Milano, ma dal 26 Marzo prossimo sarà verosimilmente esteso a tutta Italia.

3

Si auspica, peraltro,  che il DGSIA rinvenga al più presto una soluzione ai problemi connessi alla riservatezza (vale a dire un sistema che permetta in via automatica l’oscuramento dei dati personali contenuti nei provvedimenti) che hanno provocato tale drastica scelta: l’archivio di giurisprudenza di merito ha costituito, infatti, un prezioso strumento di diffusione delle conoscenze ma anche (e soprattutto) un utilissimo strumento deflattivo del contenzioso, consentendo di avere contezza in anticipo gli orientamenti dei vari Uffici giudiziari.

NEWS: interruzione servizi telematici PST GIUSTIZIA 9 Marzo 2018 e 26 Marzo 2018

Evento formativo FIIF a Napoli, 13 Marzo 2018 su notifiche telematiche

Si ricorda che il 13 Marzo 2018, dalle ore 11.30 alle 14.30, presso la Sala Metafora (Nuovo Palazzo di Giustizia – Napoli) si terrà il quinto evento formativo organizzato dalla Fondazione Italiana per l’Innovazione Forense (FIIF – CNF) in collaborazione con il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli.

Tema dell’incontro: le notificazioni telematiche.

Relatori: Avv. Giovanni Rocchi (Foro di Brescia – FIIF), Avv. Maurizio Reale (Foro di Teramo – FIIF) ed Avv. Roberto Arcella (Foro di Napoli – FIIF).

Prenotazioni su “Riconosco”. I Colleghi di altri Fori possono partecipare anche senza prenotazione: l’attestato utile ai fini dei crediti formativi sarà rilasciato cartaceamente.

FIIF 13.03.2018.jpg

News Tribunale di Napoli: udienze 27 febbraio 2018 e condizioni meteo

Riceviamo informale notizia che è corso di stesura un provvedimento presidenziale analogo a quello emesso per la giornata di ieri, recante invito ai Magistrati a non assumere provvedimenti pregiudizievoli in assenza delle parti costituite a causa dell’abbondante nevicata in corso su Napoli. È peraltro stato ipotizzato un provvedimento più radicale di sospensione delle udienze, ma allo stato appare più probabile la reiterazione del provvedimento già emesso per la giornata scorsa. Vi aggiorneremo appena possibile

Il futuro di ThunderPEC

ThunderPEC

ovvero: Come disattivare gli aggiornamenti automatici di Thunderbird

In gergo mozilliano, ThunderPEC e molte altre estensioni per Thunderbird, sono estensioni di tipo legacy per come sono sviluppate e per la modalità che usano per interfacciarsi con il programma principale e con l’utente.

In Firefox, a partire dalla versione 57, le estensioni di tipo legacy sono state sostituite dalle webextension che utilizzano linguaggi e modalità di interfacciamento differenti rispetto alle estensioni di tipo legacy. Queste modalità hanno il vantaggio di essere comuni ai differenti browser presenti sul mercato (una webextension sviluppata per Firefox, può essere facilmente modificata per funzionare anche su Chrome o Opera e viceversa).

Per questo motivo, negli ultimi mesi, gli sviluppatori delle estensioni per Firefox hanno dovuto aggiornare i loro prodotti per uniformarsi alle nuove specifiche delle webextension.

L’aggiornamento da estensioni legacy a webextension non è sempre possibile poiché le estensioni di tipo legacy potrebbero…

View original post 176 altre parole